HOME     CONTATTI     REGISTRATI  
    GIOVEDI' 13 DICEMBRE 2018
INCARICHI RICOPERTI

Incarichi Ricoperti

Dal 1995 al 2000 ha guidato il Coordinamento Nazionale dei Docenti Precari delle scuole statali e non statali e ha contribuito, in maniera determinante, alla approvazione della legge sui corsi abilitanti, che ha portato all’assunzione, nei primi due mesi del Governo Berlusconi, di 60.000 insegnanti nelle scuole statali.

In provincia di Siracusa hanno partecipato ai corsi previsti dalla legge circa 3000 docenti di cui oltre 500 sono stati già assunti e gli altri risultano
nella graduatoria per i quali la stessa legge ne prevederà lo scivolamento per la copertura del 50% dei posti che si renderanno disponibili.

Dal 2002 ha ricoperto l’incarico di Assessore alle Politiche Scolastiche ed Educative, all'Edilizia Scolastica, alla Protezione Civile e alla Ricostruzione post-sisma nel Comune di Siracusa... LEGGI TUTTO

ALCUNI RISULTATI

Alcuni Risultati

Da Deputato Regionale nella XV Legislatura

  • 34 Disegni di legge
  • 27 Interrogazioni Parlamentari
  • 2 Interpellanze
  • 22 Mozioni
  • 17 Ordini del giorno

Da Assessore al Comune di Siracusa

  • 17 nuove scuole
  • 31 edifici dismessi su 37 in affitto, con un risparmio di un milione e mezzo di euro di affitto l'anno
  • 30 scuole su 31 messe a norma
  • 30 milioni di euro investiti di cui oltre 10 milioni di euro attingendo a finanziamenti regionali e statali
  • 4 le nuove scuole ancora in costruzione
EDILIZIA SCOLASTICA

Edilizia Scolastica

Dal 2003 ad oggi sono stati dismessi 31 edifici in affittto destinati, in prevalenza, ad attività scolastiche con un risparmio, per i cittadini, di diversi milioni di euro all'anno.

E' stato così possibile realizzare nuove scuole, mettere in sicurezza altre strutture scolastiche e recuperare spazi e locali per altre importanti attività comunali:

  • Scuola dell'Infanzia - Via delle Gardenie - Cassibile
  • Scuola dell'Infanzia - Via delle Petunie - Cassibile
  • Palestra - Via Siracusa, 50 - Belvedere
  • Scuola Media "Galilei" - Via Pio X - Belvedere
  • Scuola Media "Galilei" - Via Ippolito Nievo - Belvedere
  • Scuola Primaria - Via Monte Carega - Epipoli
  • Scuola dell'Infanzia - Via Stromboli - Epipoli

PROTEZIONE CIVILE

Protezione Civile

Per la prima volta la città di Siracusa si è dotata di un piano di emergenza che consentirà di affronatre, in modo razioanle ed efficace, tutte le calamità.

Particolare attenzione è stata rivolta alle associazioni di volontariato, valorizzando capacità e competenze, esaltando sinergie e cooperazione

  • Piano d'emergenza di Protezione Civile
  • Alluvioni 2003-2005, gestione dell'emergenza e assistenza alla popolazione
  • Gestione incendi boschivi
  • Eurosot, esercitazione a livello nazionale
  • Extracomunitari, soccorso e accoglienza
  • Ambulanza per servizio di primo soccorso Solarino
  • Realizzata la prima via di fuga dal centro cittadino di Belvedere
RICOSTRUZIONE

Ricostruzione

La legga 433 del 1991 ha finanziato il consolidamento ed il restauro di monumenti ed edifici di proprietà pubblica di rilevante valore artistico-culturale e la realizzazione di importanti opere di protezione civile.

E' stato recuperato, così, uno straordinario patrimonio per il quale, ora, occorre deinire un modello di gestione efficace e moderno. Cospicui, inoltre, i finanziamenti a fondo perduto per i privati.

  • Teatro Comunale
  • Chiesa di San Francesco di Paola ed ex convento dei Minimi
  • Liceo Classico Gargalo
  • Area attendamenti e container
  • Case popolari, via Antonello Da Messina
temp-thumb
temp-thumb
temp-thumb
temp-thumb
temp-thumb
COMUNICATI STAMPA

VINCIULLO: 2 miliardi di euro dallo Stato alle Regioni per l’edilizia sanitaria. Firmata l’intesa, ora è possibile il Decreto di finanziamento del nuovo ospedale, così come promesso [04 Dec 18 09:50]
Siracusa, 4 dicembre 2018: È stato firmato la scorsa settimana a Roma l’accordo Stato-Regioni che destina 2 miliardi di euro per l’edilizia sanitaria e, di conseguenza, viene rifinanziato l’art.20 della Legge 67/88.
A siglare l’accordo, a Palazzo Chigi, sono stati il Sottosegretario alla Presidenza On.Giorgetti e l’Assessore regionale della Salute dell’Emilia Romagna, in rappresentanza della conferenza delle Regioni. Lo comunica Vincenzo Vinciullo.
Dopo 11 anni dalla firma dell’ultimo Accordo sull’edilizia sanitaria fra Stato e Regioni, finalmente viene firmato questa nuova convenzione che potrà portare nelle casse della Regione Siciliana i quasi 600 milioni di euro attesi dal dicembre 2010, anno in cui la Commissione Sanità di cui ero Segretario, ebbe ad approvare la programmazione dei fondi dell’ex art.20, della Legge 67/88, fra cui era stato inserito il finanziamento del Nuovo Ospedale di Siracusa.
Adesso, il Presidente della Regione siciliana potrà dare mandato all’Assessore regionale della Salute di firmare il Decreto di finanziamento per il Nuovo Ospedale di Siracusa e per la messa in sicurezza della sede dell’ex INAM di Lentini, non inseriti nel D.A. 182/18.
Vorrei ricordare che, con la Deliberazione 394 del 19 ottobre 2018, la Giunta regionale di Governo si è impegnata a finanziare il Nuovo Ospedale di Siracusa, ormai non più provinciale in quanto di I livello, qualora fosse stata “definita la procedura di assegnazione dell’area ove far sorgere il nosocomio”.
Considerato che la Deliberazione 394 si fondava su un presupposto errato e cioè che l’area non fosse stata individuata dal Consiglio Comunale di Siracusa, quando, invece, l’area era stata individuata in data 7/7/17, su richiesta, ancora una volta, dell’ASP di Siracusa, che, in quell’area, ha predisposto perfino un progetto di massima, come riconosciuto dallo stesso Consiglio Comunale di Siracusa durante la presa d’atto di qualche settimana fa.
Con la firma della convenzione Stato-Regioni e la Delibera del Consiglio Comunale, essendo venuti meno i due presupposti per i quali non era possibile finanziare il nuovo ospedale e cioè l’assenza dell’area e l’indisponibilità delle risorse economiche, che, ora, si avranno a partire dal 1 gennaio 2019, sono convinto che, ha proseguito Vinciullo, essendo il Presidente della Regione persona seria, si attiverà per confermare quanto già deliberato dalla Sua Giunta di Governo, smentendo, in questo modo, quanti in questi giorni, facendosi scudo del suo nome e delle sue parole, affermavano che il Presidente della Regione avrebbe bloccato l’arrivo dei fondi che, ricordo, ancora una volta, sono stati programmati in Commissione Sanità all’ARS il 30 dicembre 2010.
Ritengo infine doveroso ricordare, ha proseguito Vinciullo, come il Presidente della Regione abbia in pubblico sempre affermato il principio che il Governo regionale non può per legge intervenire nella scelta di un’area dove costruire un nuovo nosocomio e che tutte le proteste, di questi giorni, sono fuori luogo e fuori tempo massimo, dovevano essere fatte il 7/7/17, oppure l’18/7/2018 quando io, inascoltato, scrissi a tutti per ricordare che la nuova rete ospedaliera siciliana, approvata dal Governo, aveva equiparato l’ospedale di Siracusa a quello di Scicli e l’ospedale di Lentini, ad esempio, a quello di Biancavilla o di Nicosia.
Le proteste di questi giorni non solo appaiono tardive, in quanto per anni nessuno ha mai detto nulla, ma addirittura rischiano di fare perdere il finanziamento e pertanto io ritengo sia indispensabile intanto acquisire il finanziamento, senza continuare a fare le quinte colonne delle vicine province e di Catania in particolare, e poi, acquisito il finanziamento, verificare se l’ASP, nel frattempo, ha cambiato idea, ricordando ai tanti sbruffoni che pontificano in questi giorni che il Comune di Siracusa ha una dignità e ha un ruolo riconosciuto dalla Legge nella scelta dell’area.
Le proposte fantasiose, surreali e ipocrite spesso evidenziano anche la povertà culturale ed umana di chi le espone.
Non basta dire no all’area della Pizzuta, bisogna avere il coraggio civile di dire dove fare il nuovo ospedale, ricordando che, ha continuato Vinciullo, c’è un piano di Protezione Civile da rispettare, un Piano Paesaggistico da rispettare, un’area SIN da rispettare e una presenza diffusa di fiumi e torrenti particolarmente ramificati nel territorio di cui si parla, non per nulla l’area originariamente era un pantano, e, soprattutto, che mi sembra immorale, in un momento in cui tutti sono seriamente impegnati a difendere il verde, andare a sterminare giardini per 140.000 metri quadrati, oltre al danno erariale che graverà su chi penserà di rinunciare a un’area pubblica di 78.000 metri quadrati per andarne a comprare 140.000 anziché solamente 62.000.
A chi, in queste settimane, inoltre, continua insistentemente a parlare del prezzo dei terreni, del valore dei terreni e di presunte sentenze del CGA, io vorrei ricordare che non è compito della politica occuparsi delle vicende di espropri e di prezzi, ma se ne deve occupare solo il Responsabile Unico del Procedimento, che si avvarrà esclusivamente dell’Ufficio Tecnico dell’ASP e certamente non dei politici di professione.
Non compete al Comune di Siracusa, né tanto meno agli altri Comuni della provincia di Siracusa, stabilire il valore di acquisto dei terreni, perché quando si fanno queste promiscuità di compiti si sconfina in un settore che non appartiene alla politica e si rischia anche personalmente.
Quindi, ha concluso Vinciullo, l’invito che faccio ad ognuno di noi è quello di occuparci delle cose che ci competono, ma, prima ancora, di approfondire l’argomento, anche perché non possiamo tutti giorni continuare ad ascoltare cose assolutamente non vere.
L’Area potrà essere modificata se lo vorrà l’ASP, ma nel rispetto della verità, dei compiti di ognuno e senza alzare la voce, perché il 18 luglio, quando i Sindaci dovevano alzare la voce, fecero inspiegabilmente silenzio e nessuno di loro prese la parola per contestare la nuova rete ospedaliera e si assistette silenti al massacro dell’ospedale di Siracusa e dell’Ospedale di Lentini.
E’ facile aggredire il Comune di Siracusa, mentre vedo che si prova un po' di timore nell’aggredire la Regione, per cui tutti sono pronti a gridare contro Siracusa e nessuno, tranne il sottoscritto, aprì la bocca contro la Regione, autorizzando, con il loro silenzio, la nuova rete ospedaliera.


  Letta 6 volte
ARCHIVIO COMUNICATI
VINCIULLO: 273 mila euro per la Caserma dei Vigili del Fuoco di Augusta del 13/Dec/2018
VINCIULLO-BONGIOVANNI: Un milione e centomila euro dal vecchio Parlamento per la Chiesa SS. Annunziata di Sortino del 11/Dec/2018
VINCIULLO: Per il settimo giorno consecutivo, chiuso il 118 di Ortigia. Cari amministratori cittadini, andate a casa! del 10/Dec/2018
VINCIULLO: 118 di Ortigia chiuso per il terzo giorno consecutivo. E domani, giorno dell’Immacolata, cosa succede? del 07/Dec/2018
VINCIULLO: Chiesa del Collegio, martedì iniziano i lavori. La Protezione Civile regionale risponde alle esigenze del territorio del 07/Dec/2018
VINCIULLO: Postazione 118 di Ortigia, anche oggi chiusa del 06/Dec/2018
VINCIULLO: Quasi 17 milioni di euro, provenienti dal vecchio Parlamento, per i servizi di cura per la prima infanzia e asili nido. Approvato l’Avviso pubblico del 06/Dec/2018
VINCIULLO: Ulteriori 158 mila euro per la Chiesa di Santa Venera in Avola del 05/Dec/2018
VINCIULLO: 2 miliardi di euro dallo Stato alle Regioni per l’edilizia sanitaria. Firmata l’intesa, ora è possibile il Decreto di finanziamento del nuovo ospedale, così come promesso del 04/Dec/2018
VINCIULLO: Case Popolari di via Algeri 104-106, completato il pagamento dei lavori. del 01/Dec/2018

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Successive >

ARTICOLO DEL GIORNO
La Sicilia
11 Luglio 2012
Alta tensione
via i tralicci



Visita La Rassegna Stampa
 
 




Clicca sulle miniature per ingrandire le immagini

 
VINCENZO VINCIULLO L'IMPEGNO POLITICO ATTIVITA' PARLAMENTARE
RASSEGNA STAMPA LA POLITICA NEI FATTI LASCIA UN COMMENTO
Copyright ©
vincenzovinciullo.com
HOME     CONTATTI